NEWS
CONTATTI
AREA RISERVATA
associazione riconosciuta senza scopo di lucro affiliata ARBAGA e ASSOMUSICA
responsabile del sito il Presidente dott. Giacomo Spiller

 

 

Concerti di Primavera 2018:

Filarmonica Castellamonte e Junior Band

sabato 23 giugno 2018 ore 21.30 - Scaricatore Ferroviario

 

guardate il servizio televisivo di TV Torino e Canavese
guardate l'intervista di presentazione del concerto
guarda la locandina del concerto
la Filarmonica e la Junior Band AFC
la Junior Band AFC
la filarmonica di Castellamonte

 

In una splendida cornice di archi e mattoni, ecco apparire una grande sorpresa: l’arrivo del treno! Prima lo sbuffo della ciminiera, poi il fischio quadritonale e poi lo sferragliare delle ruote sui binari… la gente assiste in silenzio e a bocca aperta quando dall’arco a sud dello scaricatore ferroviario di Castellamonte, proprio quello che punta in direzione Ozegna-Rivarolo, fa ingresso il treno!  Sabato 23 giugno dopo 32 anni di mesto “silenzio ferroviario” la Filarmonica di Castellamonte è riuscita nell’intento di far rivivere ai tanti concittadini intervenuti al concerto l’emozione di veder arrivare il treno, esattamente come la banda di Castellamonte aveva allietato le festa solenne del 25 luglio 1887 quando (allora veramente) arrivò il primo treno e quando per l’occasione il maestro Tazio Fedi compose appositamente la marcia militare “Onore e Premio”.


Il concerto ha avuto inizio con le immagini dell’arrivo del treno, famosissime, dei fratelli Lumière, e la banda ha aperto le esecuzioni proprio con quella stessa marcia del 1887. Sullo schermo sono scorse le immagini della storia della ferrovia e della stazione di Castellamonte, chiudendo con le fotografie del recupero dello scaricatore ferroviario, un bellissimo intervento architettonico che ha dato la possibilità di salvare e di restituire alla storica dignità un pezzo di quel grande investimento che 130 anni fa aveva dato la possibilità di far portare i manufatti ceramici delle industrie del paese in tutto il mondo. Una curiosità riguarda il ritrovamento di questa marcia militare, avvenuto ad opera di Riccardo e Davide Quagliolo, due componenti della filarmonica che hanno rinvenuto gli spartiti in un vecchio baule di famiglia, appartenuto al loro antenato, l’avvocato Pier Alessandro Gallo, il sindaco di Castellamonte che riuscì nell’intento di realizzare la tratta ferrata e avviare i lavori dell’attuale Chiesa Parrocchiale. Dopo aver scoperto i manoscritti, Riccardo ha pazientemente trascritto a computer tutte le note del brano e così ha dato la possibilità di riproporre, nello stesso luogo, lo stesso brano di allora e di far rivivere le stesse forti emozioni.


Le immagini e la rievocazione del treno hanno accompagnato l’intero concerto, dai treni del Far West ai treni della Russia, poi per un momento l’attenzione si è spostata tutta su una persona che per anni è stato il treno motore che ha trainato l’associazione filarmonica, aiutando, coccolando, e viziando i musici, soprattutto con i suoi gustosi manicaretti. Parliamo del musico e già presidente, Vincenzo Fontan al quale è stato dedicato un brano dolcissimo tratto dal cartone animato Ratatouille e alle immagini del simpatico topolino parigino si sono alternate le immagini del cuoco della filarmonica, contornato in cucina di amici, ritratto all’opera tra tofeje e affettatrici. Alla famiglia è stata consegnata la fotografia che verrà appesa in sede nella “colonna dei ricordi”, così che ogni volta che si entrerà in cucina il buon Vincenzo sarà lì a controllare se tutto viene fatto come lui aveva insegnato… 


La serata è stata resa speciale anche da un altro motivo: la presenza contemporanea della Junior Band diretta dal Maestro Simone Prozzo e la banda “senior” diretta dal Maestro Dino Domatti. La prima ad esibirsi è stata la formazione dei bambini che ha eseguito quattro brani proponendo due melodie classiche, il Te Deum e L’inno alla Gioia, la colonna sonora dei Flintstones per chiudere con un ritmo scatenato da luna park con le note di The Final Countdown. Dopo il concerto della banda maggiore i bambini della Junior sono ritornati sul palco, sedendosi in mezzo ai grandi, e così, uniti in un’unica grande formazione da più di 50 elementi, la serata si è chiusa con un brano eseguito alla perfezione dalle due formazioni riunite. Si è trattato di un momento importante, non solo a livello musicale, ma anche emotivo e relazionale. I bambini rappresentano il futuro della banda musicale, ma si deve far attenzione all’integrazione perché sono presenti generazioni e mentalità differenti, occorre imparare ad accogliere il giovane che entra nel gruppo ed evitare che venga emarginato ed escluso. Si tratta di un tema molto attuale e l’associazione ha dato un messaggio forte, dimostrando che con la musica è possibile dare spazio e trovare la giusta dimensione per tutti, anche per chi magari ha qualche difficoltà o limite se dall’altra parte ci sono persone capaci di accettarle e includerle nel gruppo.

il maestro Dino Domatti
trio
partenza del treno
junior + senior
formazione completa
brano tutti insieme
il Libro d'Oro dipinto da Livio Girivetto
 
LE NEWS DEL 2018
 
HOME PAGE